Eventi annuali a Venezia:

Hotel Byron laguna Inn , tra gli alberghi a Mestre con tariffe più convenienti e comodi per arrivare in centro a Venezia, suggerisce alla gentile clientela un elenco degli eventi annuali di venezia e un elenco sempre aggiornato di avvenimenti e mostre da visitare a venezia isole e terraferma.

Il carnevale di Venezia

Il Carnevale di Venezia è uno degli appuntamenti più celebri e turistici del folclore italiano. Dal giovedì al martedì grasso la città, con il suo centro in piazza San Marco, si trasforma in un grande palcoscenico di maschere sfarzose che gareggiano per fantasia e raffinatezza. Anche i turisti possono partecipare trovando ovunque vendite di maschere e truccatori pronti in ogni angolo. La festa termina la sera del martedì grasso con il rogo di re Pantalone e i fuochi d’artificio.

Festa del Redentore

Questa festa, che ha origine nel 1578 in onore della liberazione dalla peste, si svolge la terza domenica del mese di luglio. Nei giorni antecedenti però il ponte galleggiante viene costruito dal genio Pontieri dell’esercito italiano. Nella vigilia un corteo di imbarcazioni si raduna presso la Giudecca e a mezzanotte si tiene un grande spettacolo pirotecnico e musicale. Poi le barche si dirigono verso il Lido e si attende il sorgere del sole. La domenica si svolge il pellegrinaggio, le regate con gondole a due remi e si consumano i cibi tradizionali del luogo.

Festa della Salute

A perenne memoria della liberazione dalla peste, fin dal 1681 si celebra il 21 novembre la festa annuale con una processione religiosa che transita su un ponte di barche costruito nel Canal Grande. Nel giorno della festa molti veneziani frequentano le funzioni religiose e chiedono grazie di guarigioni fisiche e spirituali

Festa di San Marco

Questa festa religiosa del Santo patrono, con messa solenne nella basilica e musiche sacre, si svolge il 25 del mese di aprile e, nella piazza e nelle vie vicine, sono allestiti appositi chioschi per vendere il bòcolo, il bocciolo di rosa che si usa offrire alle donne amate

Regata delle antiche Repubbliche marinare

Questa manifestazione, salvo eccezioni, si svolge a rotazione, tra maggio e luglio, nelle quattro città marinare: Amalfi, Genova, Pisa e Venezia. Si inizia con un corteo storico in costume che giunge all’approdo dove sono pronte le imbarcazioni. Il percorso della regata è rettilineo della lunghezza di 2.000 metri e ai vincitori spetta un trofeo costituito da un modello di galea medioevale, che l’anno dopo verrà rimesso in palio

Regata storica

La prima regata ufficiale avvenne il 10 gennaio 1315. Attualmente, la prima domenica di settembre, il Canal Grande è pavesato a festa e si eseguono brani musicali del barocco veneziano. Si forma un corteo di imbarcazioni e si svolgono le regate con diverse categorie di barche e di equipaggi.

La Festa della Sensa

La Festa della Sensa è una delle più antiche feste di Venezia. Si celebra la prima settimana di settembre con una processione di più di 100 barche sulle quali sfilano personaggi vestiti con i più rappresentativi abiti della città nonché dell’intera area del Nord Italia. La ricorrenza commemora due importanti eventi storici di Venezia. Il primo si rifà all’anno 1000, quando la flotta navale, guidata dal Doge Pietro Orseolo, partì il giorno dell’Ascensione per combattere i pirati Dalmati che minacciavano le coste dell’Istria. Con la vittoria della Serenissima, Venezia iniziò un periodo di dominio politico, commerciale e economico sul mare Adriatico. L’altro importante evento risale al 1177 quando a Venezia venne siglata la pace tra il Papato e l’Impero. Per l’importanza che la città lagunare ebbe nella mediazione, il Papa Alessandro III, come segno di riconoscenza, consegnò al Doge Ziani un’ anello benedetto che voleva simbolicamente rinforzare la supremazia della città sul mare come un uomo che sposa la sua donna e ne diventa signore. Questo aiutò a rinforzare il mito di Venezia come regina del mare.

Come si festeggia attualmente la Sensa
Oggi, l’importate sposalizio e ricordato ogni anno. Il Sindaco, accompagnato dalle maggiori rappresentanze politiche, religiose, militari e civili, è accompagnato su un’imbarcazione da San Marco fino a San Nicolò. Giunto a destino, getta l’anello in mare come segno dell’eterna unione tra Venezia e il mare.

Sposalizio del mare

Questa festa dalle origini più che millenarie si svolge nel giorno dell’Ascensione (40 giorni dopo la Pasqua) con un grande corteo di imbarcazioni che salpa da San Marco e si dirige verso il Lido. Al largo il figurante in costume da doge lancia nel mare l’anello e pronuncia una formula in latino, che in Italiano è: Ti sposiamo o mare in segno di vero e perpetuo dominio. Poi segue la processione, la messa e due regate con le gondole a 4 remi

La maratona :’Su e Zo per i ponti’

La Su e Zo per i Ponti è un’allegra maratona non competitiva ideata da Don Dino Berti. L’idea che il sacerdote voleva sviluppare era quella di poter dare la possibilità a chiunque, bambini, famiglie, giovani e anziani, di visitare il vecchio centro storico della città in modo allegro e divertente, con la possibilità di conoscere i posti più nascosti ma interessanti della città interagendo con persone diverse. E’ con questo spirito che questa piacevole maratona viene organizzata ogni anno agli inizi della primavera, tra Marzo ed Aprile, quando la temperatura è gradevole e visitare Venezia è piacevole. Gli itinerari proposti sono tre al fine di poter incontrare le diverse esigenze di un numero di partecipanti che aumenta di anno in anno.
I tre persorsi della maratona
Il percorso più breve è lungo 3 chilometri e, per lo più, vi partecipano anziani e bambini. Il secondo tragitto, la cui lunghezza è di 10 chilometri, è quello a cui vi partecipano il maggiore numero di iscritti. Il terzo tragitto proposto, di circa 14 chilometri, è pensato per i più allenati. Le partenza da Piazza San Marco sono 2: una alle 10 e una alle 10.30. Ma se c’è un’ orario stabilito di partenza altrettanto non si può dire per l’arrivo. Lo scopo della corsa non è vedere quanto tempo ci si mette ma vuole essere solo un modo allegro e divertente per trascorrere una piacevole domenica girando per Venezia. Il tragitto, che da Piazza San Marco prosegue in direzione dell’Arsenale, vuole far conoscere posti inusuali ma, non per questo meno affascinanti, di Venezia. Non a caso dall’Arsenale il tragitto prosegue verso la parte più interna e tranquilla del centro per poi proseguire verso l’Ospedale fino a raggiungere Piazzale Roma per poi dirigersi nuovamente verso Piazza San Marco dove si trova il traguardo.

Vogalonga

Tra le varie feste ed eventi organizzati a Venezia, la Vogalonga è una delle più recenti ma questo non toglie che il legame che unisce questa splendida città al mare fa parte tanto del suo passato quanto del suo presente. A questa regata non competitiva possono partecipare vari tipi di imbarcazione, l’importante è che siano privi di motore. Infatti, per quel giorno, le imbarcazioni a motore sono bandite per lasciar spazio a gondole e barche di vari tipi e dimensioni. In questo sta la ragion d’essere della Vogalonga: rendere più sensibile l’ opinione pubblica nei confronti del crescente problema che il traffico “motorizzato”, in continuo aumento nei canali della storica città, porterà al declino della stessa. Questa crescente consapevolezza ha mosso gli abitanti ad organizzare questo evento, sempre più rinomato, che fonda le sue origini nel Maggio del 1975 e che non gode di sovvenzioni o aiuti economici della Municipalità o dello Stato ma è gestito è organizzato da coloro che amano Venezia e che sono preoccupati per il futuro di questa città unica nel suo genere.
Il percorso della Vogalonga
Il percorso, lungo circa 30 chilometri, inizia dal bacino di Piazza San Marco proseguendo verso Burano per poi attraversare la Laguna e tornare verso la città percorrendo il Canal Grande. Il traguardo viene tagliato dai partecipanti a Punta della Dogana sita di fronte a San Marco.

Venicemarathon

Tra i vari eventi che vengono organizzati a Venezia, la Su e Zo per i Ponti e la Maratona sono quelli che permettono ai loro partecipanti di visitare Venezia in modo più sportivo, correndo lungo le sue strette calli e allegri campi e scoprendo angoli nascosti, assaporando appieno la magica atmosfera che solo questa città ha. Ma se la Su e Zo per i ponti è una maratona non competitiva alla quale può partecipare chiunque abbia voglia di passare una domenica diversa dalle solite, altrettanto non si può dire della ormai famosa Venice Marathon. Non a caso a questa prendono parte atleti di fama internazionale come l’Italiano Orlando Pizzolato, vincitore per ben due volte della maratone di New York. L’idea che diede inizio a questo evento sportivo fu la voglia di poter mescolare insieme sport e cultura.
Il percorso
Nel 1986, anno della sua prima edizione, la maratona contava un numero ristretto di partecipanti, solo 716, ma il numero era destinato a crescere. Come ogni maratona che si rispetti, il percorso è lungo all’incirca 42 km. L’inizio è presso l’incantevole cornice di Villa Pisani per poi proseguire lungo l’affascinante Riviera del Brenta, potendo così ammirare le bellissime ville che si affacciano lungo il fiume Brenta, per finire a Venezia presso la Riva dei Sette Martiri. Tappe intermedie sono il centro di Mestre e Marghera, due importanti città nella terraferma adiacente a Venezia.